La corretta alimentazione del cane è un problema che negli ultimi anni attanaglia i proprietari di animali. Sempre più persone sono alla ricerca di informazioni dettagliate su cosa deve e non deve mangiare il proprio animale. Le case mangimistiche si sono evolute nel tempo, realizzando prodotti di qualità ed aumentando considerevolmente i controlli. Il numero di case che producono mangimi sono in continua crescita e per il proprietario diventa sempre più difficile districarsi tra migliaia di prodotti, che siano essi mangimi di mantenimento o medicali (prodotti utilizzati in corso di patologie specifiche).

Con questo articolo cercherò di fare chiarezza nella giungla dei prodotti alimentari per cane e gatto rispondendo alle domande che i proprietari si fanno più frequentemente durante la crescita del proprio animale:

  • Dieta casalinga o mangime industriale?
  • Quale è la migliore marca di crocchette?
  • Come valuto la qualità di una crocchetta?

FABBISOGNI NUTRIZIONALI DEL CANE

Prima di rispondere a queste domande facciamo un po? di chiarezza sui fabbisogni nutrizionali del cane. Partiamo dal presupposto che il cane è un animale carnivoro, negli ultimi anni quest’ultimo però si è un po? allontanato dalla categoria di carnivoro puro e si è avvicinato ad un alimentazione più simile alla nostra, ma scientificamente rimane classificato tra i carnivori.

La lista con i fabbisogni nutrizionali potete trovarla sul sito della FEDIAF. Ogni razione alimentare deve essere composta dalla giusta quantità di proteine, carboidrati, lipidi, fibre, vitamine e minerali.

  • Proteine ed amminoacidi

I fabbisogni minimi delle proteine sono pubblici e resi disponibili dall? AAFCO (Association of American Feed Control Officials) e sono differenti tra il cane ed il gatto:

  • Cane adulto(mantenimento) 18% s.s.
  • Cane in accrescimento o riproduzione 22,5%

Vorrei subito mettere in chiaro che non esiste un limite massimo di proteine, quindi quando sentite dire:?Questo mangime ha troppe proteine può far male al cane?, è un affermazione che non ha nessuna valenza scientifica, infatti un cane sano può mangiare la quantità di proteine che vuole. Non esiste nessuno studio che dimostri che l?eccesso di proteine durante la vita dell?animale possa predisporre a patologie renali.

Molto più importante è invece il rapporto tra proteine e lipidi, infatti si può considerare in maniera superficiale che:

Rapporto Proteine-Lipidi

  • 2:1 cane che svolge attività normale
  • 3:1 cane che svolge attività blanda/scarsa
  • 3:2 cane che svolge attività elevatalipidi >20% cane supersportivo(cane da slitta e da lavoro)

E? fondamentale inoltre il discorso della qualità della proteina, quelle animali hanno un valore biologico più alto rispetto a quelle vegetali. La qualità della proteina è infatti condizionata da:

  • Valore biologico (composizione amminoacidica)
  • Digeribilità
  • Cottura
  • Densità energetica
  • Carboidrati

Sono la principale fonte di energia della razione, comprendono:

  • Pasta
  • Riso
  • Patate
  • Cereali fioccati
  • Riso soffiato
  • Pane
  • Tapioca
  • Altro.
  • Lipidi

Anche per i lipidi esiste un fabbisogno minimo che deve essere rispettato per avere una dieta bilanciata:

  • Cane adulto(mantenimento) 5% s.s.
  • Cane accrescimento o riproduzione 8,5% s.s.

Questi sono valori minimi indicativi, infatti se il medico veterinario lo ritiene opportuno in corso di Diete dimagranti si può scendere anche al di sotto del fabbisogno minimo. Molto importanti sono invece gli acidi grassi essenziali (Omega 3 ed Omega 6). Per integrarli si possono utilizzare oli animali o vegetali, quest?ultimi solo nel cane. Pesce e carne restano le migliori fonti di acidi grassi essenziali per quanto riguarda il gatto. Nel cane si può utilizzare olio di soia e olio di colza.

Anche il rapporto Omega 6 ed Omega 3 è molto importante e può essere di 5:1 o 10:1. Tutti questi componenti danno vita alla razione giornaliera del vostro animale e ci danno la totalità dell?energia che il cane deve assumere durante la giornata. Oltre alle componenti principali di Proteine, carboidrati e lipidi ci sono anche Vitamine, calcio e fosforo.

Vitamina A

Ad eccezione del gatto, tutti gli animali domestici sono in grado di convertire i carotenoidi in vitamina A, nel gatto invece manca un enzima preposto a tale conversione. Per questo motivo è molto importante l?apporto di vitamina A con la dieta. Attenzione però perché anche gli eccessi, oltre le carenze, possono portare a diverse patologie.

Vitamina D

Nel cane la sintesi di Vitamina D in sede cutanea, a differenza dell?uomo, è piuttosto scarsa per questo motivo deve essere assunta nelle giuste quantità con la razione giornaliera.

Vitamina E

La carenza di vitamina E può portare a patologie specifiche come la Pansteatite del gatto.

Calcio/Fosforo

Il calcio ed il fosforo sono gli oligoelementi più importanti soprattutto per lo scheletro ed i denti, svolgendo numerose funzioni biologiche. Per questo motivo, soprattutto durante la crescita, devono essere perfettamente bilanciati. Il rapporto Calcio/fosforo può essere di 1:1 o di 2:1.Carenze o eccessi di questi nutrienti possono portare a diverse patologie.

DIETA CASALINGA O MANGIME INDUSTRIALE?

Negli anni passati i proprietari di animali non avevano una grande cultura di alimentazione, le informazioni che potevano trovare erano frammentarie e poco veritiere in quanto venivano trasmesse con il passaparola. Con l?avvento di internet le cose sono notevolmente cambiate, infatti possiamo informarci adeguatamente su cosa deve e non deve mangiare il nostro animale.

Anche su internet, però, non è semplice capire quali informazioni sono scritte da persone qualificate e quali no. Quindi non prendete tutto quello che trovate scritto sulla rete per oro colato ma mettetelo sempre in discussione e chiedete al vostro veterinario. La prima domanda a cui andiamo a rispondere è meglio la Dieta casalinga o il mangime industriale?

Partiamo dal presupposto che entrambe le diete hanno dei vantaggi e degli svantaggi e di conseguenza non esiste una verità assoluta.

Dieta Casalinga ?VANTAGGI

  • Completa e bilanciata (se realizzata da Medici Veterinari esperti in Nutrizione Clinica del cane e del gatto)
  • Migliore Digeribilità
  • Conoscenza degli ingredienti utilizzati
  • Impiego di alimenti freschi e di alta qualità

Dieta Casalinga ? SVANTAGGI

  • Costosa
  • Tempi di preparazione lunghi
  • Incompleta e non bilanciata se non fatta correttamente
  • Bisogna associare alla dieta degli integratori
  • Scarsa conservabilità

Mangime Industriale ? VANTAGGI

  • Completo e bilanciato
  • Appetibile sia nel cane che nel gatto
  • Economica (rispetto ad una dieta casalinga)
  • Di facile preparazione
  • Ottima conservabilità

Mangime Industriale ? SVANTAGGI

  • Bassa digeribilità
  • Non si conoscono gli alimenti utilizzati e le etichette sono poco chiare

Ho lasciato a parte il discorso tossicità, infatti gli alimenti industriali dovrebbero essere più sicuri dal punto di vista igienico sanitario rispetto ad una dieta casalinga, grazie ai controlli che vengono effettuati costantemente dalle case mangimistiche sui propri prodotti, ma questo dipende anche dal luogo e dai modi di conservazione delle crocchette.

Anche le analisi vengono fatte a campione e di conseguenza l?assoluta certezza che quel prodotto sia igienicamente buono non possiamo averla.

Avrete sicuramente capito che la scelta tra Dieta casalinga o crocchette dipende da diversi fattori, primo tra tutti, il tempo che avete a disposizione per preparare il pasto per il vostro cane. Se siete a lavoro dalla mattina alla sera, tornate stanchi e non avete tempo per preparare la razione del vostro animale sicuramente la scelta ricadrà sulle crocchette.

Se invece siete casalinghe/i o avete molto tempo libero in quanto ormai siete in pensione e vi fa piacere preparare da mangiare per il vostro cane utilizzando prodotti di qualità e freschi, la dieta casalinga è la vostra scelta. Attenzione però la dieta deve essere formulata da persone competenti altrimenti rischiate di arrecare danni anche piuttosto gravi ai vostri cani.

Se siete interessati ad una Dieta Casalinga ben bilanciata utilizzate il nostro nuovo servizio.

CREA LA DIETA CASALINGA PER IL TUO CANE

Anche i costi svolgono un ruolo importante sulla scelta dell?alimentazione del vostro cane, infatti la dieta casalinga ha un costo medio più alto rispetto all?alimentazione industriale, in quanto, agli alimenti freschi, bisogna aggiungere anche il costo degli integratori.

QUALE E? LA MIGLIORE CROCCHETTA?

Non esiste una risposta a questa domanda, infatti ogni animale, in base alla taglia, all?attività fisica che svolge e alle patologie in corso avrà necessità diverse.

Attraverso questo articolo vi insegnerò a valutare la qualità di una crocchetta.

Partiamo dal presupposto che le leggi europee non ci consentono di avere tutte le informazioni che riguardano gli alimenti industriali, infatti spesso le etichette sono confuse e con poche informazioni.

La legge distingue nell?etichettatura i mangimi in:

  • Completi
  • Complementari
  • Materie Prime

L?etichetta del prodotto deve riportare la specie animale al quale è destinato, le istruzioni per un uso corretto, la data di conservazione minima e l?elenco degli additivi e delle materie prime in ordine decrescente. Quest?ultimo punto è molto importante, infatti sull?etichetta troverete le materie prime utilizzate in ordine di quantità (quelle scritte per prime sono in maggiore quantità).

Per esempio:

  • Se trovate un prodotto per cani (animale carnivoro) sulla cui etichetta sono elencati i cereali come primo ingrediente, questo ci deve far subito accendere un campanello d?allarme.
  • Un’altra informazione che ci deve lasciare qualche dubbio sulla qualità di una crocchetta è l?utilizzo delle categorie rispetto al nome specifico della materia prima (pollame, volatili, proteine animali trasformate, farina di pesce).
  • Anche l?utilizzo eccessivo di Mais può portare qualche problema a livello igienico sanitario, in quanto è una delle materia prime che può essere contaminata da micotossine.

RIASSUMENDO:

  • Gli alimenti sono scritti in base alla quantità in ordine decrescente;
  • L?indicazione del nome specifico della materia può essere sostituito dalla categoria (pollo, tacchino diventano carni di pollame);
  • Evitate crocchette con informazioni troppo generiche
  • Evitate eccessi di ceneri grezze;
  • Evitate eccessi di Mais per problemi igienico sanitari

ALIMENTAZIONE DEL CANE: COSA NON DEVE MANGIARE (ALIMENTI NOCIVI)

Tra le materie prime fresche ci sono alcuni prodotti che non dovrebbero mai essere dati ai nostri animali, sia esso un cane o un gatto ed altri che invece possono essere utilizzati tranquillamente.

  • Cioccolato: l?alimento per eccellenza ?tossico? per i cani è il cioccolato a causa della presenza di teobromina nell?alimento. Solitamente il tipo di cioccolato più pericoloso è quello fondente ed anche l?assunzione di piccole quantità può portare a vomito e diarrea. Nei casi gravi si può avere anche alterazioni cardiache, convulsioni e morte.
  • Aglio e cipolla: questi due alimenti portano a rottura i globuli rossi con conseguente anemia per emolisi. L?assunzione accidentale di queste sostanze è solitamente innocua ma una continua somministrazione di tali alimenti può portare ad intossicazione, con tutti i sintomi classici dell?anemia. La dose tossica è all?incirca dello 0,5% del peso dell?animale.
  • Impasto pane crudo: questo fermenta all?interno dello stomaco causando problemi di dilatazione e torsione gastrica.
  • Caffeina (caffè e tè): una somministrazione di tale sostanza in maniera eccessiva può portare a morte il nostro animale. I sintomi classici sono irrequietezza, tremori muscolari, frequenza respiratoria aumentata e convulsioni.
  • Avocado e noci di Macadamia: sono alimenti tossici poco comuni nel nostro territorio, ma possono essere letali.
  • Ossa: dal mio punto di

Scrivi un commento